12 maggio 2009

Anne Rice: Intervista Col Vampiro


Mi ero accostato a questo libro nell'intento di farne una lettura di ''alleggerimento'', pensando di trovarmi di fronte ad un'analisi superficiale e spensierata di quella voragine umana che è il tema del vampirismo, forse preso in inganno dal fatto che dall’opera fosse stato tratto un film.


Nient'affatto!

La Rice può essere davvero a buon titolo definita la maestra del gotico contemporaneo: in questo libro crea un paio di personaggi incredibili ed accattivanti, ma soprattutto caratterizzati da una profondità psicologica enorme, e questa è una cosa che al giorno d’oggi è ben rara, in un uno scrittore.

Ecco quindi che l’autrice ci porta a esplorare i recessi dell'animo e della sessualità umana, tramite l’orchestrazione di una serie di vicende tutte funzionali al suo intento di parlarci dell’Uomo, ecco che ci pone, pagina dopo pagina, davanti alla grandezza e miseria della nostra condizione.

Un'opera, insomma, che ritengo magnifica, ma che al di là di una valutazione basata sul gusto personale, ha il grande ed oggettivo merito di centrare i suoi obiettivi.

Probabilmente potrebbe non piacere a tutti, per la scarsissima percentuale di azione che vi si ritrova... in questo senso, più indicati di certo sono i libri successivi della saga.

L'adattamento cinematografico non le ha a mio avviso reso giustizia: con un Brad Pitt nei panni di Louis, quando è chiaramente un Lestat nato... Comunque un bel film, forse anche perché co-prodotto dalla scrittrice, cosa, questa, che ha di certo evitato uno stravolgimento dell’opera scritta.

Ma il libro mi sento di consigliarlo a tutti, entrerete in una originale dimensione del fantasy/horror, e soprattutto del pensiero umano, che non avete mai provato prima… fatevi affascinare dalla maestra Anne Rice..!






3 commenti:

  1. Thanks bot, LoL.

    Che palle, non mi va di mettere il captcha spaccacazzo.

    RispondiElimina

SATIRA SCIUSCIESCA non censura, ma spam, bot e sostenitori degli Uddùe saranno segati.