19 aprile 2011

Vedere un cowboy finto che prende al lazo un vitellino assonnato aiuta a digerire venti grammi scarsi di carne


Giacomino chiama e dice che insomma ci sarebbero le Cantine Nardi che hanno organizzato una giornata di trekking delle vigne e degustazione enogastronomica in quel della loro tenuta dalle parti di Montalcino.
Fingo di non aver sentito la parte sul trekking e prenoto per quanti siamo.

Il titolo evocativo dell'iniziativa è "B&B". Bed & Breakfast? Belli & Bravi? Banda Bassotti? No, Bistecca & Brunello. Comincio subito ad interrogarmi sulle turbe mentali che possano portare un uomo ad accostare del Brunello di Montalcino ad una bistecca,  ma poi mi ricordo del livello medio dei miei lettori e così lascio perdere considerazioni enologiche troppo raffinate.

A partecipare siamo io, la mia Lauretta, il Cava, il Valcio, ovviamente Giacomino con la Ele al seguito, ed altra gente che però non è pezzente.

Arriviamo con calcolato ritardo in modo da saltare il trekking e passare direttamente alla visita alle cantine, che però, visto il divieto di stappare le botti ed attaccarsi alla cannella (dove andremo a finire?), risulta un po' noiosa. Decidiamo così di dedicarci alla vituperata attività fisica di passeggio per le vigne, ma da soli, che io gruppi organizzati e guide non li posso soffrire.

Durante il percorso, non mancano occasioni di blasfemia gratuita:



Rientriamo al casale giusto in tempo per l'ora di pranzo, quindi vai di antipasti con l'angosciante dubbio di aver saltato gli aperitivi. Ci arriva un piatto tutto sommato onesto di affettati ed altra roba, accompagnato da un qualche vino che NON è Brunello, ma mi dico che il Brunello arriverà dopo. Il cameriere, comunque, mi dice che c'è un limite di due bottiglie a tavolo, ed è il primo FAIL della giornata: meno male che Giacomino imbosca un vuoto sotto al tavolo, così possiamo scroccare un terzo passaggio della bevanda.

Arriva poi il primo, delle specie di pappardelle ai porcini, non eccelse, ma nemmeno avvelenate, anche queste accompagnate da massimo due bottiglie, stavolto di Rosso (il Brunello arriverà dopo, continuo a dirmi).

Ma è ormai ora del grande momento, fa la sua entrata trionfale la bistecca! Ove con "bistecca", ovviamente, intendo DUE strisce DUE di tagliata, accompagnate mi pare da una quantità infinitesimale di insalatina.

E, nemmeno il tempo di far palesare il secondo, enorme FAIL della giornata, che il terzo mi arriva in fronte con tutta la sua violenza: entra infatti in scena l'altro protagonista della giornate, lui, messere Brunello di Montalcino... peccato che in questo caso il limite sia abbassato ad  UNA cazzo dico UNA bottiglia per tavolo. Ah, forse non vi avevo detto, finora, che i tavoli erano da OTTO dico OTTO persone.

 Andateci piano, col Brunello,
che quella bottiglia ha da bastare per tutta la sala,
mica lo regalano eh!

 
Ma la fiera del FAIL non finisce qui. No, perché, per qualche imprecisato motivo, lo chef della giornata ci annuncia che ci verrà servita un seconda portata. Rialimento le mie speranze, ma è un tragico error, perché mi vedo arrivare non dico cazzo uno, ma MEZZO cazzo dico MEZZO hamburger di chianina macinata, cotto al sangue e servito dentro mezzo panino da fast food, il tutto ovviamente privo di qualunque condimento che possa mascherare in parte la zingaraggine della situazione.

E' troppo, abbandono il desco disgustato (dopo aver mangiato in tre secondi i sedici grammi complessivi di roba), facendo però in tempo a passare a ritirare il dolce, un gelato dal gusto e consistenza orridi, che mi costa comunque dieci minuti di coda.

Per digerire la montagna di carne ingurgitata, ci rechiamo alla zona del maneggio, dove si tiene un'esibizione di ranch roaping, leggi acchiappare la mandria col lazo. Un cowboy debosciato sta tirando stancamente e per niente cinematograficamente un cappio precario attorno alle gambe di un vitello appena nato di venti chili con evidenti problemi di narcolessia e/o uso di droga. Mancandolo varie volte.

Dichiaro che è il mio limite massimo di sopportazione, e che voglio tornare a casa mia e andare a letto alle cinque del pomeriggio, ma gli altri pretendono di concludere con la degustazione di sigaro e rum anch'essa da programma, così allunghiamo di quel po', poi via davvero.



RESOCONTO DELLA SCAMPAGNATA
Titolo dell'evento: "Bistecca & Brunello"
Bistecca divorata: 0,00 ettogrammi
Brunello tracannato: mezzo bicchiere scarso
Pateticità riscontrata: tra "alta" e "ommadonna datevi fuoco", con picco di "usando il napalm" nel momento del mezzo hamburger




Nella foto, tre cazzoni che pensavano
di andare a pasteggiare a Brunello con 25 euro.
Sveglia, eh.

34 commenti:

  1. Ma a nessuno è venuto in mente di contemplare la possibilità di ottenere bottiglie di vino addizionali previo pagamento?

    E poi, scusa, il limite era di due bocce di vino a portata?

    Madonna, come je stanno a Montalcino.

    E comunque tu sembri altissimo.

    RispondiElimina
  2. Pipino il breve19 aprile 2011 10:56

    Voglio un bastone (da montagna) come il tuo

    RispondiElimina
  3. Era una fottutissima canna di bambù di diametro miserrimo, che comunque gli ho inculato per puro sfregio.

    RispondiElimina
  4. Pipino il breve19 aprile 2011 11:02

    Hai fatto bene

    RispondiElimina
  5. Non avrai mica picchiato la madonna con quel bastone in mano nella prima foto.
    Due bottiglie a tavolo sono una miseria, avreste dovuto protestare, magari con l'ausilio dei bastoni e canne di bambù.

    RispondiElimina
  6. ahahahahahhaha ma è stupendo!

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  7. ahahahhaah! non sai quanti facepalm mentre leggevo!

    RispondiElimina
  8. Ma Zibi Boniek era il cowboy o il vitello?

    RispondiElimina
  9. Manca solo la batteria di pentole in omagggio...
    :(

    RispondiElimina
  10. Come ti fottono continuamente con ste trovate pubblicitarie del cazzo, eh!?
    Branco di vegetariani astemi che non siete altro!

    RispondiElimina
  11. Minacciare la madonna con un bastone così esile non può definirsi blasfemia.

    Bisogna sempre portarsi una boccia di vodka da casa, è la regola...

    RispondiElimina
  12. Che organizzazione da morti di fame. Venite al Cow Party di Urgnano.

    RispondiElimina
  13. Sembra la festa di Confindustria a Cernobbio

    RispondiElimina
  14. Che cazzo centra il tag di Zibi Boniek?

    RispondiElimina
  15. Che cazzo centra il tag di Zibi Boniek?


    Niente, perché?

    RispondiElimina
  16. ahahah facepalm anche per me

    RispondiElimina
  17. vedo che eravate tutti in salute, ma piano col vino sopratutto se si deve guidare!

    RispondiElimina
  18. E grazie anche per il commento di oggi :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  19. ma tu sei quello nella prima foto????

    E comunque io avevo segnato tra le cose da fare:
    "conoscere Sciuscia, andare dalle sue parti e farmi portar in un bel posto a mangiare e bere come una bestia". forse non è il caso.

    E poi, come suggerito dal buon tamburine, perchè non avete comprato altro vino, spendendo altri soldi?? Perchè siete dei pezzenti??

    RispondiElimina
  20. Lee, sì, sono io.
    E tranquillo, che di posti per magna' e beve ne conosco a palla.

    RispondiElimina
  21. Pipino il breve20 aprile 2011 14:05

    Pezzente, negro, interista...
    scusa dovevo sfogarmi con qualcuno

    RispondiElimina
  22. ti dovevi sfogare perchè faina chiude?

    RispondiElimina
  23. me sa che stavi alle cantine Tavernello, eh!? Dài dillo, non ti diamo del pezzente, pezzente. (quanto al post su Lauretta, bene, bravo, sono d'accordo, se possibile anche meno)

    RispondiElimina
  24. Tutto sommato per 25 euri m'è sembrata una cosa onesta, visto che hanno servito in piatti di coccio e messo le tovaglie come in foto tutti possono costatare

    RispondiElimina
  25. Ma infatti alla fine hanno fatto una figura dimmerda spendendoci pure dei soldi, quando sarebbe bastato, per fare felice me e tutti gli altri convitati, evitare le scarpinate, le guide turistiche, i caowboy, i sigari, TUTTO, e concentrarsi sul titolo della giornata, servendo a tavola SOLO una bistecca da 3 etti scarsi ed un bel bicchiere di Brunello, ossia una cosa che alla fine ti costa molto meno di 25 euro.

    Invece no, vitelli al lazo e mezzi hamburger. Bah.

    RispondiElimina
  26. Io per queste "mangiate" tra amici preferisco il fai-da-te

    RispondiElimina
  27. Tendenzialmente anche io, ma poi dipende sempre dai posti...

    Per dire, per il Venerdì Santo ce ne andiamo in un posto dove l'ultima volta, con 30 euri, ci siamo fatti antipasto misto toscano, 7 etti di Fiorentina, boccia di Chianti buono, caffè ed ammazzacaffè costituito da grappa e Rum di qualità più che eccelsa lasciato senza problemi nelle nostre mani al tavolo.

    Insomma, se ci sono la qualità e la cortesia, vale la pena spendere... se invece devi trovarti a buttare via i soldi, allora molto meglio investire dal macellaio e fare da soli, sicuro.

    RispondiElimina
  28. Per digerire la montagna di carne ingurgitata, ci rechiamo alla zona del maneggio[...]

    Ho pensato: ecco che arriva la parte in cui fanno fuori il cavallo per mangiarselo e lasciano la testa nel letto di Giacomino

    RispondiElimina
  29. Venticinque Euri, hai detto? Per un'inculata mi pare un prezzo onesto, considerata la pezzentaggine dei Montalcinesi...


    Barney

    RispondiElimina
  30. E grazie anche per il commento di oggi :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  31. Pipino il breve22 aprile 2011 14:17

    Scusa Luca non ti ho risposto perchè ero malato
    Mi dovevo sfogare con sciuscia perchè sono uno sfigato e vivo una vita di merda e me la prendo con i più fortunati (Faina in fondo può andare a cagare)

    RispondiElimina
  32. :D mi pare una giusta causa!

    RispondiElimina
  33. Ma almeno hai trovato la sorpresa nell'hamburger con l'Happy Meal?!

    RispondiElimina

SATIRA SCIUSCIESCA non censura, ma spam, bot e sostenitori degli Uddùe saranno segati.