25 marzo 2010

Le interviste di Sciuscia: essere disgustoso*


La rete di marchette che uno come Sciuscia può vantare è assolutamente inimmaginabile da voi poveri ed ingrigiti impiegati che siete lì a cliccare nella speranza che qualche blogger dal sagace umorismo pungente risollevi la vostra triste giornata facendovi fare quattro risate.

Sciuscia è in grado di avvicinare i personaggi più in vista dello star system, le rock star più trasgressive, i politici più puttanieri.


Eccovi quindi un'altra puntata di "Le interviste di Sciuscia", la rubrica nell'ambito della quale incontro V.I.P. di ogni sorta e sviscero la loro vita privata con le domande piccanti ed invasive che piacciono a voi, pubblico voyeur e gossip-dipendente che vuole fingersi alternativo e non interessato a vacuità e pettegolezzi.
 
Purtroppo, oggi intervisterò uno dei bambini down che addestro come manichini per crash test - un'attività molto redditizia, lasciatemi dire.

Naa, sto scherzando! Il bambino down ci sarà nella prossima puntata. L'ospite di oggi è invece il famoso blogger promotore della gerontofilia pedofila, essere disgustoso*.

Il celebre logo di essere disgustoso*
in edizione sgranata

 

SCIUSCIA: - Ciao ed*, e benvenuto negli studi di "Satira Sciusciesca". Credi di essere pronto per cominiciare la nostra intervista, o devo aspettare che finisca di toglierti lo sporco dalle dita dei piedi?

ed*: - Un attimo. Ora possiamo cominciare. No, un momento. Ok. No. Sì. Scusami, è che era da molto che non mangiavo emmenthal. E va bene: la verità è che solo lo stato laico sa quanto adori realizzare interviste sgranocchiando occhi di pernice. Ora possiamo iniziare.

SCIUSCIA: - Ah, lo stato laico. Qual è per essere disgustoso* una giusta idea di laicità?

ed*: - Stufi, arcistufi, vescovi, arcivescovi. Superstizionismo storico pregno di alternità identitaria, uomini precursori che però adesso dovrebbero, persecutori di uomini, utilità di deframmentazione dischi. E tutto questo porta la gente media a... cioè, a dire che la gente media è stufa e arcistufa di vescovi e arcivescovi. Perdonami la sequenza di locuzioni sconnesse ma, in realtà, è la prima volta che mi intervistano e mi chiedevo cosa si provasse a rispondere come Asia Argento. E adesso mi sento come un'attrice mediocre che, alle soglie dei quaranta, si ritrova con un figlio avuto dal nipote tossicodipendente di Luigi Tenco.

SCIUSCIA: - Visto che hai citato implicitamente Morgan, e dio sa quanto io ami le citazioni implicite (almeno quanto il bukkake, sicuro), ti va di dirmi cosa ne pensi della sua recente esclusione da Sanremo? Era giusto che un tale esempio negativo per i giovani venisse messo sotto la luce dei riflettori, o in effetti Valerio Scanu era già abbastanza?

ed*: - In realtà non mi stavo riferendo a Morgan ma al rottweiler di Go Go Tales. In ogni caso, a proposito della sua esclusione, non posso che dirmi d'accordo: quando per ottenere notorietà ti riduci ad accoppiarti con una mediocre attrice sifilitica concordo con chi ti ritiene un pessimo esempio per le generazioni future. Riguardo a Morgan, invece, non mi esprimo sulla tossicodipendenza altrui ma tendo a giustificare chi assume sostanze stupefacenti al fine di incrementare le proprie capacità: sostenere il contrario significherebbe rinnegare i valori fondanti della cultura occidentale contemporanea, il ciclismo su strada, la musica dub. E un paio di ministeri.


SCIUSCIA: - ...leggo una velata critica all'attuale governo?

ed*: - Quale critica?

SCIUSCIA: - Quella del cibo per gatti avariato che usi per cucinare. Parliamo della tua vita privata, ed*: qual è il tuo rapporto con le donne, ammesso che tu ne abbia mai avuto uno? Uno carnale, intendo. 

ed*: - E' da un po' che sto cercando di smettere con il sesso ma dopo un discreto numero di esperienze credo di aver imparato qualcosa: mai, e dico mai, mai andare a pisciare ubriachi con una sigaretta accesa in mano. Mai. E ti dirò, tra l'amore con una donna e l'amicizia con un uomo preferisco la seconda: tra amici si può ingrassare. Eppure alcuni credono che questo mio pensiero sia dovuto ai postumi della mia parentesi omosessuale nella metà degli anni '90. Ehi, non guardatemi così: erano i tempi di Ice Mc e dei Right Said Fred. A dire il vero diventai omosessuale perché, da ragazzo, un professore ci disse che odiare minoranze sessuali altro non era che un modo per nascondere la propria omosessualità repressa. Così, per nascondere ancora meglio la mia omosessualità repressa, iniziai a picchiare gay, transgender e Lele Mora. Qualche mese dopo si venne a sapere che anche quel professore era omosessuale e, sentendomi ingannato, cambiai strategia: per nascondere meglio la mia omosessualità repressa, dimostrando che non avevo nulla da nascondere, diventai omosessuale, e non sentii più parlare di omosessualità repressa. Ma credo che mi stia dilungando troppo. Gradisci un occhio di pernice?

SCIUSCIA: - Cercare un rimando alla prima battuta è un pessimo tentativo di imitare qdg. Ora che ci penso, potresti essere tu qdg. Sei qdg, ed*?
 
ed*: - Se per imitare Q intendi utilizzare le tecniche umoristiche dei grandi autori satirici di tutti i tempi, da Aristofane a Rabelais, da Hicks a Bagnasco, forse hai ragione ma i contenitori sono da sempre a disposizione di tutti: il difficile sta nel riempirli. Ovviamente non sono l'unico a poterne usufruire e tendo a considerare quei contenitori patrimonio universale a disposizione di tutti. Che è anche lo stesso motivo per il quale scopo cani di media taglia e baffute ciccione emarginate. Sarei dunque bugiardo se non affermassi che hai appena detto una cazzata così grande in confronto al quale l'ego di Berlusconi sembra il pisello di Bondi. Oppure potrei dirmi d'accordo con te e affermare che imiti pessimamente Emix per via della tua nuova fissa per le interviste ma queste, così come il rimando a battute precedenti, la tecnica del malinteso, l'interlocutore immaginario... non sono proprietà intellettuale di alcuno. Entrando ancor più nel particolare, come ci spiega Luttazzi in Barracuda, è una struttura umoristica assodata quella di inserire un tormentone in un testo comico: come giustificare altrimenti gli attentati alla democrazia nelle dichiarazioni di Di Pietro? Riconosco che spesso abuso di tale tecnica ma c'è gente come Michele Serra che grazie a questa sta pagando l'università ai propri figli scrivendo lo stesso pezzo da quindici anni. In conclusione la risposta alla tua domanda è no, non sono Q. Sono Luca Barbareschi. E, va da sè, se non impazzisci per i calli puoi sempre rosicchiarmi il durone tra l'alluce e l'illice: proprio qualche giorno fa ho aperto un interessante varco tra le pelli morte.

SCIUSCIA: - Questa me la sono cercata. La battuta su Bondi, intendo: credo che sia un ministo troppo poco dileggiato, se si considera che razza di burroso servo voltagabbana prezzolato sia. D'altro canto, è un fine poeta. Tu ti diletti di poesia, ed*? E se sì, sei Bondi, oltre che Barbareschi?
[*Si rivolge al pubblico: sapevate che le dichiarazioni di Bondi e Barbareschi possono essere ascoltate assieme con le parole in shuffle senza rilevante perdita rispetto al significato originale?*]

ed*: Non sopporto la poesia, né i poeti: quando ero piccolo il postino mi molestava e, da allora, non ho voluto saperne più niente di Neruda. Riuscii a scrivere una manciata d'irripetibili poemetti anticlericali soltanto durante gli ultimi anni delle superiori ma solo allo scopo di accattivarmi le simpatie del professore di fisica. Ho scritto anche un romanzo: due anni di lavorazione che mi sono costati sudore, salute e diversi inviti a comparire per scrivere il libro della mia vita. Ed è uno schifo. Inoltre, come Fazi editore mi ha fatto sapere, è di difficile collocazione editoriale. Eppure credevo di aver scritto un numero sufficiente di pompini e depravazioni per uno che pubblica Melissa Panarello ma, probabilmente, mi è mancato quel pizzico di pedoperversione in più. La stessa scusa che utilizzarono per cacciarmi dal seminario. Motivo per il quale non posso essere Sandro Bondi.

SCIUSCIA: - Ma sappiamo come tu sia uno stimato autore. Quali sono i tuoi progetti artistici futuri? Zoofilia a parte, intendo.

ed*: Nei prossimi due mesi sarò a Londra per farmi ricrescere le unghie dei piedi e, al mio ritorno, mi prenderò una pausa: io e il nonno materno vogliamo avere un bimbo. Non importa di chi.

SCIUSCIA: - Ah, in tema di bambini, qual è la tua posizione sull'aborto? E, in tema di aborti, qual'è la tua posizione sull'ultimo film di Muccino?

ed*: Francamente non me la sento di affrontare con leggerezza temi così delicati per la pubblica opinione. In riferimento all'interruzione di gravidanza, invece, prima di dire come la penso occorre una di quelle premesse tanto gradite alla demenza senile di Eugenio Scalfari. Il nostro è un paese pieno di contraddizioni: cattolici ma amanti del sesso orale, fascisti ma democratici, magnati televisivi ma presidenti del Consiglio. Veltronianamente parlando, come siamo la nazione dei Roberto Baggio ma anche degli Inzaghi, incarniamo le nostre incongruenze in costante bilico tra invettive ecclesiastiche e necessità di cultura occidentale: siamo la nazione della Chiesa ma anche quella di Marco Pannella e, dunque, sono per il compromesso che si traduce nel sì alla libertà individuale ma senza dimenticare valori e tradizioni che, in tema di interruzione di gravidanza, consiste nel diritto all'aborto di ogni donna così come ogni uomo ha diritto di picchiare la propria donna affinché abortisca.

SCIUSCIA: - Siamo davvero agli sgoccioli, ed*, se superiamo le dieci domande ci censurano in base alla legge sulla par condicio. Hai un messaggio da lasciare ai nostri lettori, prima che lo spazio tempo collassi su sè stesso risucchiandoci in un buco nero collegato con un'altra dimensione in maniera tale che le stronzate che sto sparandao assumano un valore scientifico?

ed*: No. O meglio, lo farei ma ho appena terminato gli occhi di pernice.

(Si ringrazia la commissione di controllo per la libertà vigilata per aver permesso ad ed* di rilasciare ques'intervista.)



47 commenti:

  1. clap clap clap clap clap clap

    RispondiElimina
  2. siamo la nazione dove l'astensionismo ha dilagato negli ultimi anni e i politici hanno ritenuto di fare i porci loro comodi tanto "quelli" si azzuffano solo sui cazzi di berlusconi... il resto non conta niente!

    RispondiElimina
  3. standing ovation... due al prezzo di uno che altro aggiungere!

    RispondiElimina
  4. Esatto @enio. E poi dicono che non è dannoso!

    RispondiElimina
  5. Semplicemente, vi adoro.
    In senso laico.

    RispondiElimina
  6. Se l'approssimarsi del matrimonio ti fa questo effetto, ti dò il numero di un buon avvocazzo pre-divorzista: 339...
    A parte gli scherzi, grande Sciuscia, come sempre. :D

    RispondiElimina
  7. Mi è rimasto un dubbio atroce: gli occhi di pernice in quale modo erano serviti (bolliti, crudi tipo sashimi, a scottadito, arrosto...)?

    Cordialità

    Attila

    RispondiElimina
  8. @Attila, lo volevo chiedere io com'erano cucinati!!! damn! E poi, che ne fanno del resto dell'animale? Ne avranno uccisi a decine visto che stavano là a banchettare.

    Cmq bravi, siete riusciti a non annoiarmi nemmeno per un secondo. Strano. Gli studi di Satira Sciusciesca nun se po' sentì però! :))

    RispondiElimina
  9. :))))))))))))))) grandioso!

    RispondiElimina
  10. ci tengo a precisare che non sono stati maltrattati occhi di pernice per la realizzazione di questa intervista.

    RispondiElimina
  11. @attila
    solitamente li mangio freschi, se possibile subito dopo averli rosicchiati con i denti.

    RispondiElimina
  12. Non capisco se siete geniali o solo sotto l'effetto di sostanze strane. (Che non sono gli occhi di pernice. Che nome assurdo tra l'altro...)
    Comunque ti/vi stimo lo stesso.
    XD

    RispondiElimina
  13. Sig. Sfaticato25 marzo 2010 22:20

    Troppo lungo e, essendo estremamente sfaticato, nonchè impegnato a creare un sillogismo fra l'entropia e la stupidità umana, rispondo fingendo di aver letto:
    ahahahahahahahahahahah

    RispondiElimina
  14. impeccabili, soprattutto nella scelta degli stuzzichini.

    RispondiElimina
  15. ...comunica all'essere disgustoso che trovandosi a Londra per farsi ricrescere le unghie dei piedi, di provare a farsi ricrescere anche un po' di cervello...le fissazioni gli è l'hanno consumato.

    Inviato da un bambino down nella speranza che un po' di sagage umorismo pungente, risollevi,facendogli fare quattro risate, la triste giornata di qualche blogger.

    RispondiElimina
  16. Ma se ed* è barbareschi: dov'è la vasca? E soprattutto: dov'è il mio fucile?

    RispondiElimina
  17. eheheheh, secondo me dietro ed c'è bondi

    RispondiElimina
  18. Siete due miti!

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  19. In splinder, in facebook, in scaricabile, qui, là, sù, giù ... ecchecazzo, il discorso a fine anno a reti unificate lo farai tu?!!!
    (Speriamo :-)

    Kriss

    RispondiElimina
  20. una lettura molto utile, grazie! finalmente sappiamo qualcosa in più di Ed*. in particolare, sappiamo che ha i piedi.
    :)

    RispondiElimina
  21. ...ma scusa ED, se ti ingozzi solo degli occhi,delle pernici che BIP ci fai?
    Sempre più deliziosamente demenziale Sciuscia ;-))
    Buon fine settimana
    Tina

    RispondiElimina
  22. Onanismo, Astronauti, Iconoclasti, Chiasmo, Caratteristica, Argentovivo

    RispondiElimina
  23. siete riusciti a farmi ridere nelle pause della noia

    pollice verso, andrà meglio alla prossima

    troppo lungo, troppo monotono, alcune idee e battute belle si perdono in un mare di sconclusionatezze

    ma se a tutti è piaciuto, come al solito sarò io stronzo ^^

    buone cose a tutti e due!!!

    RispondiElimina
  24. In questo consesso di sfasati, mi sento un po' troppo conformista.
    Vado subito a ciucciarmi il mio occhio di pernice, poi vi faccio sapere.

    RispondiElimina
  25. Siete due bolscevichi, volete distruggere la famiglia italiana e introdurre l'omosessualita' fra i criceti.

    Vergognatevi.

    ROTFL, mi sono divertito.

    :-)

    RispondiElimina
  26. Ora però è giunto il momento di andare oltre: dobbiamo fare un podcast. E vi voglio come ospiti fissi.
    Sciuscia, ed*, faina, prefe. Anche qdg.
    Drinkast, sarebbe il nome, perchè me lo sono appena inventato e poi suona bene.

    Qualcuno ha idea di come si faccia un podcast? Soprattutto, cosa cazzo è un podcast?
    Comunque bellissima intervista.

    RispondiElimina
  27. Ti ringrazio tanto per il commento di oggi e ti auguro una buonissima settimana :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  28. A me non intervista mai nessuno, merde!

    RispondiElimina
  29. ti intervisto io! Ma ad una condizione. Devi scriverti la parola Drink! sulle tette e poi mandarmi la foto.
    Non è necessario che le tette siano le tue.
    Tra l'altro vivo a genova pure io quindi potrebbe essere una bella intervista dal vivo.
    E sappi che vado gratis in tutti i cinema della città.
    Esclusi i porno e i parrocchiali.
    Strana accoppiata.

    RispondiElimina
  30. sono molto felice perchè incontro spesso il signor disgustoso su altri blog ma non ero mai riuscita ad entrare così a fondo nella sua personalità come dopo aver letto questa intervista. di nuovo grazie sciuscia. ancora una volta mi hai cambiato la vita (la prima è stata quando mi hai fatto conoscere girlpower)

    comunque puoi intervistare anche me se vuoi. sono ignorante come una racchetta da tennis. spiritosa come un fustino di detersivo. ma sono una donna. quindi posso andare avanti delle ore a parlare senza dire mai un caxxo...

    RispondiElimina
  31. Ok, allora è deciso: io intervisto La Twiggy, ed Emix si masturba con la foto delle tette di Scusi - o altra tipa.

    RispondiElimina
  32. "non mi esprimo sulla tossicodipendenza altrui ma tendo a giustificare chi assume sostanze stupefacenti per incrementare le proprie capacità: sostenere il contrario significherebbe rinnegare i valori fondanti della cultura occidentale contemporanea, il ciclismo su strada, la musica dub. E un paio di ministeri."

    Mi ha ucciso.

    Per il post è troppo fottutamente lungo, cazzo. Noi giovini ignoranti siamo sfaticati.
    Se tutti i blogger che seguo facessero post così lunghi smetterei subito di seguirli.

    RispondiElimina
  33. l'ultima frase chiaramente voleva iniziare con "però il post"

    Bill Lee

    RispondiElimina
  34. Sei sempre tanto gentile: grazie di cuore :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  35. meno male che le tette non le devo mettere io. che sennò mi toccava farmele prestare.

    RispondiElimina
  36. Bella intervista, ma cadete in errore quando parlate di Bondi. Egli in realtà non esiste, è solo un personaggio creato da Stan Lee tra gli abbozzi sui nemici di Spiderman

    RispondiElimina
  37. Questo mi fa venire in mente che uno dei miei prossimi post sarà su Spider Man. Stay tuned, fan dell'arrampicamuri!

    RispondiElimina
  38. Certo che conosci gente interessante

    RispondiElimina
  39. ... sia chiaro: il tuo ego è l'unica cosa che ti posso pompare!

    RispondiElimina
  40. Ma l'intervista è avvenuta in qualche posto figo? Che sò, un caffè letterario, al Quirinale, a casa di Lele Mora...

    RispondiElimina
  41. Si è svolta in un postribolo sotto casa. Di Lele Mora.

    RispondiElimina
  42. saviano è come tony servillo che imita giggi sabani..il giggi sabani che molestava le minorenni, quello vero.

    RispondiElimina

SATIRA SCIUSCIESCA non censura, ma spam, bot e sostenitori degli Uddùe saranno segati.