02 maggio 2011

Karol Wojtyla è morto da sei anni. Beato lui. [special guest post su UmoreMaligno.it]


Un santo secondo i fedeli, un grande comunicatore secondo i massmediologi e un morto per tutti gli altri: Karol Wojtyla è stato così amato che a volte sembra sia ancora vivo. E invece è solo un tedesco vestito uguale.

Wojtyla nasce il 18 maggio 1920 a Wadowice, ridente cittadina nel sud della Polonia. Fino ad allora. Come molti suoi connazionali è costretto a emigrare in Italia per cercare un modesto impiego da papa. È il 1978: la fortuna vuole che papa Giovanni Paolo I schiatti dopo 33 giorni di pontificato e così per Wojtyla si libera subito un posto.

Da papa, sceglie il nome di Giovanni Paolo II. In parte in onore del suo predecessore e in parte perché il conclave boccia la sua prima scelta: papa Vasco I.

[...]










21 commenti:

  1. io ho cliccato direttamente il terzo link ;-)

    RispondiElimina
  2. Pipino il breve2 maggio 2011 11:47

    Anche io, grazie per il tuo senso dell'estetica.

    RispondiElimina
  3. Ma tutto il post è tuo, Shu'? E se no, quale parte?

    RispondiElimina
  4. Il post è come sempre scritto a mille mani coi maliscenti di UM, Tamb.

    Indovinare qual'è la mia battuta è il Trivia Sciuscia di questa settimana (si vince un "ciao" via mail da Sciuscia).

    RispondiElimina
  5. e ragazzi il terzo link è una vera e propria tentazione visto che siamo tra i santi!

    RispondiElimina
  6. mi spiace, ma ti sei fregato da solo.
    avevo tempo soltanto per cliccare sulla foto della gnocca e gli altri due link al confronto mi sembrano del tutto irrilevanti...

    RispondiElimina
  7. Grandeee!!!

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  8. In ogni caso l'illustrazione della natura morta è mondiale.

    RispondiElimina
  9. Anch'io so andato direttamente sulla Atias, che è pure istraeliana ma non si direbbe guardando le ghiandole mammarie!

    RispondiElimina
  10. Umore Maligno. Bah. Lo accetto solo perchè hai messo il link con la foto della gnocca.

    RispondiElimina
  11. E' stata scelta una modella con percentuale di gnoccaggine calcolata appositamente per renderti digeribile la cosa.

    Comunque, riferendomi al tuo ultimo post, una differenza c'è, tra Umore Maligno e Spinoza, al di là della qualità delle battute che è da giudicare soggettivamente. E' per quella differenza che ho accettato di scriverci, ed è un differenza che dovresti apprezzare.

    RispondiElimina
  12. Veramente Di cattivo gusto e non umoristico, forse i risultati dell'inter ti hanno messo di cattivo umore

    Gesu'

    RispondiElimina
  13. Rode il culo, a crepare in croce duemila anni fa, eh?

    RispondiElimina
  14. A parte che la gnocca è veramente pazzesca, mi fa piacere vedere che c'è qualcuno che riesce ad essere più intollerante di me nei confronti della chiesa e di tutto il suo teatrino ipocrita.
    La foto di Papa Wojtyla a fine mandato è da primo premio intergalattico!

    RispondiElimina
  15. La maiala spaziale in costume davanti alle tendine non ho avuto tempo di guardarla ... il resto è stratosferico ma devo smettere perchè ridere fino alle lacrime in ufficio non è indicato.
    Me lo godo stasera! (anche la maiala mi sa... )

    RispondiElimina
  16. mancano le gnocche, non è che ci stiamo rammollendo ?

    RispondiElimina
  17. Atlas... UFO Robot... tette rotanti!

    Cordialità

    Attila

    RispondiElimina
  18. Nonno, se non sai nemmeno leggere e cliccare, non devi incolpare gli altri della tua mongoloidìa (cit. Negrodeath)

    RispondiElimina
  19. Pipino il breve5 maggio 2011 09:44

    Hai sbagliato tu sciuscià
    dovevi mettere il link della gnocca per primo
    era l'unica cosa interessante del post
    e porta rispetto per gli anziani ciuccialatte

    RispondiElimina
  20. E' quella della grattata di culo.

    Ah, anche la risposta "rode il culo erc etc" vale una menzione.

    Ciao
    Zac

    RispondiElimina
  21. Naa, è quello del Parkinson.

    RispondiElimina

SATIRA SCIUSCIESCA non censura, ma spam, bot e sostenitori degli Uddùe saranno segati.