13 ottobre 2010

Gnocche senza cervello


Biancaneve
Sfuggita alla morte esercitando fascino sul proprio assassino designato, ottiene vitto ed alloggio da sette uomini anziani che possiedono un patrimonio in diamanti. Viene uccisa da un'altra donna perché è più bella di lei, ed è salvata da un uomo di potere unicamente per averlo fatto innamorare grazie al suo aspetto fisico.

Una sola parola per tutto questo: NECROFILIA


Cenerentola
Scala la società da sguattera a first lady unicamente grazie alla sua bellezza ed all'ingannare il futuro marito, facendosi passare per quella che non è tramite trucco e abiti ottenuti con mezzi non canonici. Sfrutta non poco il feticismo del piede del concupito per giungere al suo scopo.

Ha sposato il Principe, in definitiva,
solo grazie alle sue misure


Wendy (Le avventure di Peter Pan)
Sognatrice ad occhi aperti nonostante sia ormai in età da marito, si innamora del più sbruffone della compagnia attratta dalla sua posizione di leader, e cerca di baciarlo dopo un minuto che si sono conosciuti. Causa l'invidia di una sciacquetta rivale finendo per mettere in pericolo tutti.

E' la prima immagine che mi ha dato Google per "Wendy"


Lilli (e il vagabondo)
Ricca e viziata residente dei quartieri alti, si fa ammaliare dalla vita di strada in compagnia di un affascinante perdigiorno. La sua stupidità e goffaggine sono di peso al suo compagno, che per colpa di esse viene arrestato e rischia la pena capitale.

Una volta pure io ho usato questa tattica per baciarla.
La mia cagnetta, intendo.


Aurora (la Bella Addomentata nel bosco)
Promessa in sposa fin dalla nascita allo scopo di rafforzare un'alleanza militare tra stati, mette in difficoltà il padre e la sua intera nazione innamorandosi a prima vista di uno sconosciuto incontrato di sfuggita in un bosco. La sua estrema inadeugatezza ad ogni lavoro domestico la porta a rischiare la vita per aver semplicemente utilizzato un telaio per tessere. Salvata dal duro della situazione unicamente per la sua bellezza.

Sorbole, se ha la faccia da troia!


Duchessa (Gli Aristogatti)
Indolente snob dedita alla vita da mantenuta in una lussuosa casa del centro parigino, ha tre figli di cui non si conosce il padre naturale. Finisce nei guai per questioni di eredità e, assolutamente incapace di qualsiasi azione indipendente, viene salvata da un intrigante romanaccio di strada conosciuto sotto a un ponte.

A pensarci bene, "Duchessa"
è il tipico soprannome da battona



Lady Marian (Robin Hood)
Vive rinchiusa in una lussuosa reggia a spese di un familiare sognando di essere rapita da un affascinante bandito; il suo progetto di vita si riduce all'allevare dodici figli. Finisce col tradire la propria famiglia per i begli occhi di un furfante.

Hai poco da sbavare sulla sua foto, figlia mia...
Non vedi che già tieni le corna, sotto il velo?!


Ariel (la Sirenetta)
Si sottopone ad un pericoloso quanto radicale intervento di chirurgia estetica al solo scopo di risultare più attraente per l'uomo di cui si è innamorata dopo averlo visto una sola volta. Resa muta dall'operazione andata male, è convinta di poter conquistare l'amato senza bisogno di parlare, ricorrendo solo al proprio aspetto fisico. Finisce col far perdere al padre un intero regno per via della sua stupidità, ed alla fine è sempre il padre che la sistema per la vita usando la propria posizione di potere.

Sulla sua non ci sono dubbi: puzza di pesce di sicuro!


Belle (e la Bestia)
Contadinotta dai modi spicci, si trasferisce nella villa di un ricco possidente che la mantiene agiatamente senza chiederle nulla in cambio, unicamente per il fatto di essere bella. La sua stupidità ed ingenuità la portano a tradire il suo benefattore mettendone in pericolo la vita. Affronta la situazione piangendo.



Jasmine (Aladdin)
Si rifiuta cocciutamente di rispettare una legge, finendo per mettere l'impero del padre alla mercé di un uomo invaghito di lei. La sua unica reazione è di ingannarlo grazie alla sua bellezza, lasciando intendere disponibilità sessuale. Viene salvata da uno giovane ed affascinante anticonformista, e convince il padre a sfruttare la propria posizione di capo di stato per farle una legge ad personam.

Ora che ci penso, si chiama come
una nota pillola anticoncezionale


Nala (Il Re Leone)
Incapace di affrontare da sola i propri problemi, percorre chilometri al solo scopo di supplicare l'aiuto del proprio ex fidanzato. Convintolo solo dopo una notte di sesso, lo trascina in una pericolosa situazione ai limiti del rischio della vita mettendolo anche contro la sua famiglia.













Pocahontas
Già impegnata sentimentalmente, si innamora come una ragazzina di un conturbante straniero dagli occhi azzurri. Intestardendosi nella sua passione, arriva a causare un conflitto tra due culture, oltre che la morte del proprio fidanzato ufficiale ed il ferimento grave del suo amante.



Esmeralda (Il Gobbo di Notre Dame)
Procace e dedita alla vita di strada, si innamora di un uomo che ricopre un incarico di autorità. Sfrutta l'attrazione che un altro uomo più brutto ha per lei al fine di ottenere protezione per il suo amante, mettendo in pericolo il pretendente scartato.

Non farti strane idee, storpio di merda



Meg (Hercules)
Distoglie un uomo retto dai propri compiti dovendo essere prima salvata dalle mani di uno zoticone, poi indebitandosi con un potente locale e costringendo l'uomo a pagare per lei. Incredibilemente stupida, finisce ancora alla mercé del figuro, necessitando di un ennesimo salvataggio. Convince infine l'uomo a rinunciare ad un incarico di grande prestigio per badare a lei.

La tipica mignotta dell'Antica Grecia


Jane (Tarzan)
Giovane borghese inglese, cede ai bassi istinti invaghendosi di un macho rozzo e senza istruzione, finendo ovviamente per metterlo in pericolo di vita a causa della gelosia di un altro maschio.

La versione di Tarzan che più ci è rimasta nel cuore





CREDITS: questo post è stato ispirato da una foto pubblicata su questo blog. Grazie, eh.




48 commenti:

  1. Fantastico. Non ho letto le favole da piccolo e grazie a te mi sono fatto un'idea di tutto lo scibile infantile. Posso benissimo regredire di 40 anni senza problemi.

    RispondiElimina
  2. Be', non sono esattamente le favole (per l'esattezza, fiabe), bensì i film d'animazione Disney.

    RispondiElimina
  3. Commento prima ancora di leggere il post (ho letto solo il titolo).
    Bravo!

    PS: se fa cagare mi sentirai...

    RispondiElimina
  4. analisi precisa e condivisibile

    RispondiElimina
  5. Convintolo? Se avessi voluto leggere letteratura arcaica sarei andato sull'edizione online de "Il Foglio"!

    RispondiElimina
  6. Oh, non è colpa mia se avete un vocabolario di sette termini e quattro sono riferibili a linguaggio da telecronaca calcistica.

    RispondiElimina
  7. è così che avviano le bambine e i bambini al capitalismo e al consumismo con il mito della bellezza fisica...

    RispondiElimina
  8. Già, molto educative, soprattutto le favole tradizionali. E in fondo molto efficaci, se pensiamo che lo scopo è insegnare al maschietto a diventare un mulo lavoratore per fare tanti tanti soldi e poi sposare la più bella sciacquetta opportunista per trasformarsi in torello da monta e riproduzione... Senza quelle favole, probabilmente il mondo avrebbe molti artisti, molti single, molti fannulloni (e molti gay...) in più... :D

    RispondiElimina
  9. splendidissimo sciù! come vorrebbi essere tuo figlio!
    clà

    RispondiElimina
  10. Hey e la principessa de "La principessa e il ranocchio"? Aggiungo io.

    Tiana (la principessa e il ranocchio)

    Femmina negra di new orleans, povera in canna e con un il sogno di spaccarsi la schiena per tutta la vita in un ristorante, decide di baciare una rana parlante ammaliata da assurde credenze tra il voodoo e le tradizionali fiabe. La rana ovviamente non diventa un principe, Tiana si becca l'ebola e muore vomitando sangue dagli occhi.

    RispondiElimina
  11. Claudio, io voglio un figlio gay. Sei tu quel figlio?

    RispondiElimina
  12. e come disse il saggio, viva la cita! ;)

    ps. quella di pocahontas è fantastica! :D

    RispondiElimina
  13. Ah-ah-ah-ah-ah-ah... sei un grande :-D

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  14. sciuscia la tua tesi non sta in piedi.. mi resterebbero solo 3 termini per dire figa, ma ne conosco almeno 4!

    RispondiElimina
  15. come ti distruggo le fiabe. Si vede che non sei stato mai bambino....

    RispondiElimina
  16. e poi dicono che le favole si allontanano dalla realtà!

    RispondiElimina
  17. wendy è cresciuta molto bene!
    e anche jane la ricordavo diversa, ma l'apprezzo di più in questa versione

    RispondiElimina
  18. La Disney è perversa, sta di fatto che io sono identica a Biancaneve cazzo, e non che lo dico io ma gli altri purtroppo, e c'è chi lo usa come mio soprannome.

    Jasmine è una zoccola e quella pillola l' ho odiata nel periodo in cui l' ho utilizzata. Jafar però è mitico quando dice "il principe Abubu" ahahahah ho consumato la cassetta per riguardare le sue labbra che dicono Abubu! Me lo sarei fatto fossi stata la cretina di Jasmine solo per quello, e per l'uccello parlante.

    RispondiElimina
  19. La didascalia a Biancaneve è perfetta.
    Oggi il mio giro blog l'ho iniziato da te.
    Ho fatto bene.

    RispondiElimina
  20. Grazie mille anche per il commento di oggi :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  21. La tizia di alice è veramente arrapante, sento che sto diventando un pedofilo da cartoni animati.

    Anche wendy e pure la sirenetta, anche se preferivo quando era con la coda.

    Dio mio che gnocca.

    RispondiElimina
  22. Grazie per esserti astenuto su quel piedofilo del nonno di heidi, o lo hai fatto apposta per non perderti l'80% della tua platea femminile?.
    Però ste donne, avoja a esse misogeni, hanno una marcia in più e la fanno innestare.

    RispondiElimina
  23. Cavalieri sarebbe il secondo portiere del cesena, ma nessuno lo sa: se googli "daniela cavalieri" capirai anche perchè...

    baronerozzo

    RispondiElimina
  24. Sì boh, non mi va di leggere tutti i commenti prima, quindi se te lo hanno già detto scusami.

    Post fantastico, stavolta ti sei superato. Domani lo pubblico su fb, così, per far vedere che sono fica e leggo blog fichi :P

    La più bella è stata sulla necrofilia di biancaneve! :)

    RispondiElimina
  25. Brava, ho bisogno come l'aria di gente che sparga il mio nome in giro, ma sono troppo orgoglioso per chiederlo direttamente.

    RispondiElimina
  26. La recensione de "La principessa ed il ranocchio" fatta da Emix è favolosa. Ma quella per cui mi sono piegato in due è stata "Il gobbo di Notre Dame".

    "Non farti strane idee, storpio di merda"

    Ahahahahahahahah, impagabile!!!!!!
    Grande Sciuscia!

    Però non mi toccare Robin Hood che è un cartone fighissimo e tu non ci capisci niente di volpi :D

    Maroc

    RispondiElimina
  27. Lo stracazzo di virus Cenerentola fa notoriamente strage di maschietti...

    Cordialità

    Attila

    RispondiElimina
  28. Grazie grazie anche per il commento di oggi :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  29. i miei primi amori sono stati Paul (Paul e Nina e i funghi magici) e poi Kenshiro.
    Vedi te che risultato.

    RispondiElimina
  30. Quindi Walt Disney oltre che nazista era anche uno stupido machista!

    RispondiElimina
  31. Be', credevo che le due cose andassero di pari passo.

    RispondiElimina
  32. Grande articolo compagno Sciuscia!

    RispondiElimina
  33. ehi sciuscia è la prima volta che ti leggo....dai commenti che lasci in giro credevo fossi in un certo qualmodo un faggiano...invece un pò fai ridere bravo.

    RispondiElimina
  34. Sì, in giro amo farmi passare per una delle tante teste di cazzo che rende il web un posto detestabile frequentato da imbecilli.

    RispondiElimina
  35. A me facevano arrapare quelle di Occhi di gatto

    RispondiElimina
  36. Anche a me, e ne sono rimasto segnato. Ho sposato una ragazza che assomiglia a Sheila.

    RispondiElimina
  37. L'unica che si salva è Fiona insomma...

    RispondiElimina
  38. Questo mi ha fatto cacare sotto.... dal ridere !
    Ps. Fiona la Battona :p

    RispondiElimina
  39. Sig. volgare imitazione di Dexter17 ottobre 2010 14:16

    Non è certo cosa nuova scoprire che le favole sono create sulla falsariga dell'agire di voi umani, compreso ripercorrere le vostre imperfezioni e punti deboli. Quando, come me, scoprirete l'andropausa, diverrete finalmente invulnerabili agli attacchi tattici delle arpie femmine. Ma fino ad allora, vivrete paradossalmente nel terrore che l'andropausa possa essere un male al pari della morte.

    RispondiElimina
  40. Può essere che la troiaggine delle nuove leve derivi dai messaggi subliminali, da te evidenziati sagacemente, di questi film di animazione visti in età in cui il cervello umano è troppo pericolosamente malleabile?

    RispondiElimina
  41. Sig. Portavoce17 ottobre 2010 18:52

    Può darsi, come può anche darsi che si ispirino, prendendone spunto nei copioni, semplicemente dalla vita degli umani.

    RispondiElimina
  42. Ecco i film Disney che hanno decorato la mia infanzia... hei, un momento... ma io film Disney non ne ho mai visti!!! O_o"

    RispondiElimina
  43. invidio solo Tarzan di questa galleria di storie, almeno lui si pappa la bella Jane

    RispondiElimina
  44. Grazie mille anche per il commento di oggi :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  45. Chissà perché Wendy me la ricordavo diversa.

    Dopo di che cazzo, quanti cartoni animati hai visto?

    RispondiElimina
  46. ovvio che abbiamo una marcia in più...grave rendersene conto solo ora...

    RispondiElimina
  47. Ne "L'era glaciale" non c'è pheega?

    RispondiElimina

SATIRA SCIUSCIESCA non censura, ma spam, bot e sostenitori degli Uddùe saranno segati.