19 dicembre 2011

I 10 indizi dai quali riconoscere l'intenditore di vini di 'sto grandissimo cazzo


1) Regola prima e che basterebbe da sola: è quello che al ristorante chiede gli venga portata la carta dei vini.

2) Disprezzo per il Chianti, perché siccome il mercato ha saturato di chianti di scarsa qualità gli scaffali delle COOP, nella sua testa di dimensioni ridotte "Chianti = del popolo = nessun Chianti è buono". Lasciamo questi soggetti a bersi il Montepulciano d'Abruzzo con la fiorentina e stappiamoci il nostro buon Chianti, che passa tutto.

3) Crede che col pesce non si possa bere vino rosso.

4) Parallelamente, crede che con la carne non si possa bere vino bianco.

5) Unendo la regola 3) e 4), è giunto a pensare che i vini rosati siano robaccia mista che non sta bene con nulla.


6) Sceglie le bottiglie in base al prezzo. ("Se costa di più, dev'essere più buono").


7) S'intende anche di vini spumanti, salvo poi commettere imbarazzanti errori nel commentare le foto di talune fichette locali:



8) Il Brunello di Montalcino è il vino migliore del mondo, anche se è del 2002, AKA la peggiore annata da 15 anni a questa parte.

9) Non dico capiti spesso, ma la sottospecie meno evoluta dell'intenditore de noartri è capace anche di errori grossolani quali lo stappare un novello dell'anno precedente (era rimasto lì e oramai gli dispiaceva buttarlo).

10) In ultimo, mediamente è un accattone che vuol darsi arie, quindi è probabile che dica al cameriere "Uhm, magari potrei prendere un [VINO_COSTOSO]... anzi, no, stasera credo di essere più propenso per un [VINO_PIU'_ECONOMICO_DELLA_CARTA]."

65 commenti:

  1. Io sottoscrivo alla stragrande la tua incomprensione verso i punti 3 e 4. Perché il vino rosso col pesce no, e il bianco con la carne nemmeno?

    Bah. Io ci bevo pure il rhum, con il pesce.

    RispondiElimina
  2. speriamo che il Giangi non passi a leggerti, se no ti sei perso un socio

    RispondiElimina
  3. Di solito è gente facilissima da smascherare: basta scaraffare un tavernello, mettere nel cartoccio il vino più prestigioso e più buono del mondo, e poi farglieli assaggiare entrambi: vedrai come ti demolisce il supervino incartocciato per burla... :-))))

    RispondiElimina
  4. Concordo soprattutto sulla 6. Quando vedrò un Tavernello battuto a 650€ in un'asta allora cambierò idea!

    RispondiElimina
  5. aggiungerei l'11°:
    se donna, è pure figa di legno.
    F.

    RispondiElimina
  6. Io vado a colore: basta che sia rosso (con tutto, ché tanto non mangio né carne e né pesce) e non sappia di tappo o di aceto.

    Una volta una mia conoscente disse che un vino al di sotto dei 14 euro (ti parlo di qualche anno fa, quando 14 euro forse valevano qualcosina in più rispetto ad oggi) non poteva essere buono (salvo poi essere invitata a cena a casa sua e vedermi presentare in tavola una bottiglia di vino già stappata ed avviata che teneva in frigo da diversi giorni e che secondo me era veramente tavernello travasato, ma vabbè... questa è un'altra storia); ti dirò, io ho bevuto anche vini buonissimi pagandoli meno di cinque euro.
    Ah, altro indizio che vale per me su come riconoscere se è un vino è buono? Berne parecchio e aspettare il giorno dopo: se non hai mal di testa, allora era buono :-D

    Riassumendo le mie poche regole: rosso, buono al palato, prova del mal di testa del giorno dopo.
    Di tutto il resto, come dire... faccio volentieri a meno :-D
    Infatti non sono un'intenditrice, ma una che si sta impegnando parecchio per fare una certa carriera come alcolista. :-D

    RispondiElimina
  7. Bianca, esistono OTTIMI vini che si possono comprare alla COOP con meno di cinque euro, ha' voglia.

    Quanto alla carriera di alcolista, è facilmente percorribile anche senza sapere nulla di vino, quindi nessun problema.

    RispondiElimina
  8. l'importante è bere, e fuck i presunti intenditori..

    RispondiElimina
  9. preferisco il don vito corleone
    huhuhuahuahuaha

    RispondiElimina
  10. bravo sciu, ti preferisco ristretto come il caffè
    (disse quello che scrive pipponi lunghissimi)

    comunque! mercoledì ultimo turno di campionato e poi riceverai la mail con le istruzioni e il questionario

    daje

    Volpe

    RispondiElimina
  11. Dopo che ha bevuto, schiocca il palato, guarda fisso innanzi nel vuoto e poi dopo un minuto buono durante il quale gli gli astanti pensano che gli sia venuto un colpo esclama : retrogusto di nocciola!

    RispondiElimina
  12. lasciate stare il vino: pompate di cocktail. quelli seri fatti con i controcazzi intendo, non il mojito da discoteca. se una bottiglia di vino di buon livello è facile da trovare quasi ovunque provate a trovare un posto dove facciano come dio comanda un white lady o un dirty martini; non è mica facile come sembra.
    comunque almeno la metà degli intenditori di vino di sto cazzo li vedi anche solo dal rapporto con il bicchiere, da come lo tengono, da come lo muovono, eccetra.

    RispondiElimina
  13. Verissimo caro r3dz, trovare cocktail degni di questo nome è praticamente impossibile.

    Ricordo che i migliori della mia vita li bevvi in Ungheria, in un localino sul Lago Balaton... per dire quanto siamo distanti anni luce, nelle discoteche italiane, dal concetto di qualità: beveroni iperacolici (o peggio, per nulla alcolici) prodotti con merda liquida pagata a barili in qualche raffineria, presumibilmente.

    Risultato, quando vai a ballare ti incazzi meno se ordini una coca cola.

    RispondiElimina
  14. senza parlare dei romanzetti dei sommelier(s) (in generale maschi) dell'AIS che raccontano fuffa...gli uomini dovrebbero limitarsi a bere birra e fare i rutti

    RispondiElimina
  15. gli uomini dovrebbero limitarsi a bere birra e fare i rutti


    WIN

    RispondiElimina
  16. Un post al sentore di campi in fiore e dal retrogusto fruttato.

    RispondiElimina
  17. ma i vini rosati si fanno con l'uva rosa?

    cmq: biancaneve, non dire puttanate riguardo il mal di testa derivato dal vino...

    RispondiElimina
  18. @ sgradevole

    Guarda, di puttanate ne dico tante, ma ti assicuro che quando bevo pessimo vino mi viene sempre, immancabilmente, il mal di testa; ergo, per me è una post-prova di qualità ;-)

    Mi è capitato invece di alzare parecchio il gomito, ma con vino buono, e di sentirmi in ottima forma la mattina dopo (o il pomeriggio dopo, dipende dall'altezza raggiunta dal gomito).

    Concordo che fare ottimi cocktail è difficilissimo. Quando andavo in discoteca (diversi annetti fa), solitamente mi ubriacavo prima.

    RispondiElimina
  19. Illustre, sui punti tre e quattro c'ho scritto un post anni fa', credo di essere stato fra i primi in questa nazione a girare fra i ristoranti piu' stellati dal gommista, ordinando Merlot di venica a fronte di un piatto di crudite'.
    All'inizio, e ti parlo dei primi anni novanta, mi guardavano storto, poi capirono.

    Ai cretini che considerano il Chianti un vino poco nobile dico:
    Il Chianti e' composto al 70% con uve di Sangiovese.
    Il Brunello e' composto al 100% con uve di Sangiovese.
    Se venite a casa mia vi sfido a riconoscerne l'uno o l'altro mediante degustazione cieca.
    Chi sbaglia mi compra una cassa di Chianti, quello che dico io.

    Ciao
    Zac

    RispondiElimina
  20. Scusassero,
    volevo informare Biancaneve e Sgradevole che l'eventuale mal di testa postumo, non e' dovuto all'alcool etilico, nemmeno ai tannini, e menchemeno alla quantita' che se ne ingerisce.

    I responsabili sono i solfiti, che si utilizzano per preservare il vino dalla trasformazione in acido acetico, e che dietro alla bottiglia vanno per legge specificati:

    A) Contiene Solfiti = emicrania
    B) Non contiene Solfiti= bevine pure una damigiana.

    A ri ciao
    Zac

    RispondiElimina
  21. Oh, io vi avevo avvisato di non essere un'intenditrice ;-)

    Zac, dimmi, anche un vino buono può contenere solfiti?
    C'è una relazione tra vino pessimo=solfiti e vino buono=no solfiti?

    RispondiElimina
  22. Il Montepulciando d'Abruzzo è OTTIMO!!!!

    RispondiElimina
  23. Si', puo', ma in genere deve essere un vino "giovane" che non tiene piu' di tre o quattro anni.

    In linea di massima la relazione e'che tutti i vini pessimi contengono solfiti, quelli buoni non tutti, quelli eccelsi nessuno.

    Pero' fra ubriacarsi (e dalle mie parti servono quantita' notevoli) e fare un mutuo, e ubriacarsi con un vino contenente solfiti, propendo per la seconda, che poi l'aulin costa poco.

    Ciao
    Zac

    RispondiElimina
  24. Anonimo, nessuno ha detto che il Montepulciano d'Abruzzo non sia buono.

    Se la cantina è buona, il Monte sarà di certo buono. Cosa che poi vale per qualunque vino.

    In effetti, ora che ci penso, altra caratteristica del sommelier dei poveri è definire un vino "buono" o "non buono" a seconda non della cantina, ma del vitigno/denominazione.

    RispondiElimina
  25. il chianti è buono soprattutto se ha la sua dose di merlot consentita o non...

    http://www.lucianopignataro.it/a/nuovo-scandalo-dopo-il-brunellogate-coinvolti-chianti-e-toscana-igt/6832/

    il vino è tra l'altro un alimento completo : contiene derivati del latte, dell'uovo e del pesce...insomma uno potrebbe campare bevendo solo vino...

    RispondiElimina
  26. @ D.

    TUTTI i vini contengono derivati animali?
    O devono essere indicati per legge quando presenti?
    Mi puoi dire, per cortesia, dove potrei trovare informazioni più precise? E' importante per me e ti sarei immensamente grata se potessi fornirmi (o dirmi dove reperire) qualche dettaglio in più e che sia affidabile.
    Grazie.

    Ho imparato più cose in questo post e relativi commenti che in tutta la mia carriera da bevitrice. Beh, che dire, ringrazio Sciuscia ovviamente :-)

    RispondiElimina
  27. ma sai che anch'io ho sempre bebuto solo vini bianchi col pesce?? mi han cresciuto così.
    dai sciù adesso sparami tre o 4 rossi che secondo te potrei bere mangiando degli spaghetti allo scoglio.
    li voglio sul serio.

    RispondiElimina
  28. "Se costa di più, dev'essere più buono"

    Hai esaustivamente ipercompendiato l'esame di microeconomia.

    RispondiElimina
  29. Ho imparato più cose in questo post e relativi commenti che in tutta la mia carriera da bevitrice. Beh, che dire, ringrazio Sciuscia ovviamente :-)



    Satira Sciusciesca, un blog didattico.

    RispondiElimina
  30. Lo si potrebbe inserire nel canone scolastico, che dici? :-)

    RispondiElimina
  31. ma sai che anch'io ho sempre bebuto solo vini bianchi col pesce?? mi han cresciuto così.
    dai sciù adesso sparami tre o 4 rossi che secondo te potrei bere mangiando degli spaghetti allo scoglio.
    li voglio sul serio.




    Allora, sicuramente un Franciacorta Rosè (che, ok, è un rosato e non proprio un rosso).
    Un Santa Cecilia (sta bene col pesce in genere).
    Un Volpolo, vedi sopra.

    [fonte per la seconda e terza bottiglia: applicazione "MySommelier" per iPhone]

    RispondiElimina
  32. Biancaneve ha detto...
    Lo si potrebbe inserire nel canone scolastico, che dici? :-)


    Era previsto nella riforma Gelmini, ma poi il Governo è caduto.

    RispondiElimina
  33. Biancaneve, per quanto riguarda la legislazione sull'etichettatura dei coadiuvanti usati per fare il vino (non obbligatoria in quanto non considerati come ingredienti), credo che non basterebbe le etichette attuali da metterli tutti...

    RispondiElimina
  34. questo post mi ha fatto tornare in mente quella volta che chiesi alla cameriera che vini avevano, risposta, "ma... un bel Nero D'Aveto".
    Meravigliosa.

    RispondiElimina
  35. Ammetto di essere totalmente ignorante in questioni di vino, birra e alcolici in generale. Se mi piacciono, che e' diverso dal "se sono buoni", li bevo, altrimenti vanno dritti dritti nel lavandino.

    Dove abito io e' difficile trovare vini italiani che non siano i soliti, c'e' un po' di scelta da Harris Whole Food Market dove ho comprato un Nero D'Avola che mi e' piaciuto assai e pure un ottimo Primitivo.
    Per il resto le solite catene tipo Kroger o Target o Walmart hanno una selezione infinita di Chianti, Merlot, Zinfandel e derivati di dubbia origine (e sapore).

    Terpenzio

    RispondiElimina
  36. @ D

    Ho capito, grazie. Come al solito con le attuali leggi è difficile sapere cosa si mangia e beve veramente.

    RispondiElimina
  37. Hai ragione biancaneve, è un gran casino. Oggi c'è rimasto poco. Giusto trombare, bere e mangiare qualche buona bistecca ogni tanto.

    RispondiElimina
  38. Meno male che il vino non mi piace :)

    E ora bussate pure alla mia porta con lo shotgun sottobraccio, vi aspetto!

    RispondiElimina
  39. Grande! Però ti manca una categoria ben presente dalle mie parti, dove tutti credono di essere nati sommelier: quelli che senza capire un cazzo né di vino né di altro disprezzano a prescindere i cultori della birra di qualità (come il sottoscritto).

    RispondiElimina
  40. @ kall

    Amico, ti stai sbagliando se pensi che io abbia tempo da perdere per rispondere ad una provocazione velata da battuta ironica (o ad una battuta ironica che in realtà nasconde una provocazione).

    Per cui: sì, hai ragione.

    RispondiElimina
  41. @sciu: yeah, vado a scaricare my sommelier.
    E comunque diciamolo, i vini rosè fanno cagare. tutti. sempre.

    RispondiElimina
  42. fanculo al Brunello di Montalcino, il miglior vino è il Trebbiano Valentini!

    RispondiElimina
  43. No, no, non scherziamo: mi sono trovato in compagnia di intenditori "veri" che mi hanno fatto apprezzare il gusto di un buon rosato in compagnia del pesce.

    RispondiElimina
  44. Però, Sciu... ti hanno chiesto di citare 3-4 rossi da abbinare col pesce.
    Ne hai citati tre. Due te li ha suggeriti il telefono. E uno è un rosato.
    ... LOL :D

    RispondiElimina
  45. Luchino caro, mica ho detto di essere un esperto di vino.

    A differenza di quelli di cui parlo nel post.

    RispondiElimina
  46. Parlo da bevitrice, non da intenditrice, ed in ogni caso più di birra che di vino, però sono assolutamente d'accordo sul fatto che un vino economico non è necessariamente da scartare, e, da brava campana, sono un'affezionata del Greco di tufo! Però anni fa assaggiai un Kolbenhof bianco che mi è rimasto impresso a vita! E non era certo economico. Sul rosso non mi pronuncio perché per anni sono stata abituata al vino di uno zio siciliano che produceva il vino migliore (per il mio palato ovviamente) che avessi assaggiato, che non ha nulla a che fare con i classici vini siciliani...da allora ho smesso di berlo!! Dannazione!!
    @D: "gli uomini dovrebbero limitarsi a bere birra e fare i rutti." Stima.
    Comunque sia: prosit!

    RispondiElimina
  47. non metto in dubbio i tuoi compari intenditori, ma il trebbiano che ti consiglio merita di brutto! se ti capita assaggialo.

    RispondiElimina
  48. Però ci sono alcuni montepulciano d'abruzzo da orgasmo, dai.

    Ora torno a ruttare con la mia dreher.

    RispondiElimina
  49. Ehm, conosco uno che ha stappato un novello del 2007 nel 2011... Ma giuro che non lo faccio più!

    RispondiElimina
  50. Figurati, io ne so meno di tutti.
    Era una battuta che in realtà più che a te mirava alla tesi che promuove l'abbinata pesce-vinorosso.

    Ma, appunto, juste pour rire. Tanto più che son vegetariano: abbinare il vino al pesce non è un mio cruccio.

    RispondiElimina
  51. Kentoo, lo ripeto: dove cazzo avrei detto che il Montepulciano d'Abruzzo non è buono?

    RispondiElimina
  52. Ah, merda. Pardon: ero sotto l'effetto delle dreher.

    RispondiElimina
  53. Io, proprio per evitare di diventare il soggetto di qualche tuo post... ho deciso d'essere astemio ;-)

    RispondiElimina
  54. Questa e' la figata: mentre tutti sembrano esperti di vino, tu ti iscrivi all' AIAC, diventi assaggiatore di carne, e quando servono la ciccia inizi a disquisire su che merda servano nei ristoranti italiani. :)

    RispondiElimina
  55. IVAN SCALFAROTTO si chiede nel suo blog:

    "Cos'e' la Sinistra?

    Senza esitazione rispondo:

    "E' il cesso che e' sempre stata: un punto d'incontro di stronzi..."

    Felice Frocione

    RispondiElimina
  56. Auguri di Buon Natale e di un sereno Anno Nuovo

    RispondiElimina
  57. Sciuscia, ci sfornerai della prole?

    RispondiElimina
  58. Buon Natale, SCIUSCIA!

    Ma e' vero che il 50% dei Milanesi e' evasore totale?

    Anche quelli che vivevano a Milano (quasi) Centro e che si sono rifugiati nella tranquilla periferia di Londra (quella dove sono esplosi i problemi razziali lo scorso Agosto) perche' a Milano Centro sono quasi tutti omofobi e razzisti che di notte danno la caccia ai "froci" e ai "negri" creando un clima di tensione che fa sentire insicure le ragazze della Milano Bene?

    Quegli anti-fascisti anti-berlusconiani che si sono rifugiati all'estero perche' il Sultano scopa le D'Addario verginelle e ci svergogna agli occhi puritani degli Inglesi che sono gente brava, onesta, omofila e multiculturale?

    Ma se evadono le tasse anche costoro che sono la nostra Italia migliore siamo messi davvero male!
    Speriamo di no.
    Tu cheddici?
    O non te ne frega un cazzo?

    Buon Natale, comunque.

    RispondiElimina
  59. Io di vino non ne ho mai capito un cazzo.
    Anche perché ne bevo generalmente poco.

    Ma la cosa dei solfiti è fichissima.

    Grazie Sciuscià, grazie a tutti voi.

    RispondiElimina
  60. Buon Natale
    Sciuscià

    Turiddu]
    Viva il vino spumeggiante
    nel bicchiere scintillante,
    come il riso dell'amante
    mite infonde il giubilo!
    Viva il vino ch'è sincero
    che ci allieta ogni pensiero,
    e che affoga l'umor nero,
    nell'ebbrezza tenera.

    (da Cavalleria rusticana)

    RispondiElimina
  61. Son d'accordo su otto punti su dieci: odio il Chianti per gli stessi motivi per cui da toscano non di Firenze mi stanno sul culo i fiorentini (tutti i toscani parlano come i bucaioli delle Cascine? Col cazzo! E tutti i vini toscani che NON sono Sassicaia o Brunello sono Chianti? Collo stracazzo!). E poi per contratto (tra me e l'omino del mio cervello) non posso bere vini bianchi, ne' roba con le bollicine che non sia fatta coll'orzo, il malto e il luppolo.
    Il resto lo sottoscrivo con un Ornellaia d'annata (non 2002...).

    Barney

    RispondiElimina

SATIRA SCIUSCIESCA non censura, ma spam, bot e sostenitori degli Uddùe saranno segati.